Informa Famiglie e Bambini Ferrara

Contributi economici

Assegno di maternità

L’assegno di maternità concesso dal Comune ed erogato dall’Inps è riconosciuto a coloro che non beneficiano di nessuna indennità di maternità o che percepiscono un’indennità inferiore all’importo del contributo stesso e che hanno un valore ISEE del nucleo familiare inferiore al limite rivalutato ogni anno in base all’indice Istat.

REQUISITI PER ACCEDERE:
L'assegno di maternità può essere richiesto solo dalla MADRE del bambino/a a condizione che :
1.sia RESIDENTE nel Comune di Ferrara

2.che NON benefici di nessuna indennità di maternità nel periodo di astensione obbligatoria dal lavoro o che percepisce un'indennità inferiore all'importo del contributo stesso, come previsto ai sensi dell'art. 74 Dlgs. 151/2011;

3.con sia in possesso di ATTESTAZIONE ISEEcon valore inferiore ai limiti stabiliti per legge (per eventi avvenuti nell’anno 2016 inferiore o pari a €. 16.954,95);

4.che sia la CITTADINA ITALIANA o dell’UNIONE EUROPEA o APOLIDE o appartenente a Paesi NON U.E. in qualità di :
-titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
-familiare di cittadino italiano o dell’Unione;
-rifugiata politica;
-titolare della protezione sussidiaria
-cittadina di Algeria, Marocco, Tunisia o Turchia

L’assegno di maternità viene concesso anche alle madri minorenni o ad altri soggetti quando ricorrono situazioni specifiche.

ISEE
http://www.inps.it/portale/default.aspx?sID=%3b0%3b5673%3b10089%3b&lastMenu=10089&iMenu=1&p4=2)
Per ottenere l’assegno occorre essere in possesso di ATTESTAZIONE ISEE in corso di validità. A seguito della riforma dell'ISEE, l'assegno di maternità rientra tra le prestazioni di sostegno al reddito rivolte a minorenni, pertanto, in sede di elaborazione della D.S.U. è necessario richiedere espressamente un ISEE PER PRESTAZIONI AGEVOLATE RIVOLTE A MINORENNI.
Si informa che qualora l’attestazione ISEE presenti omissioni ovvero difformità, rilevate in esito ai controlli automatici dell’agenzia delle entrate fra quanto dichiarato nella Dsu ISEE e i dati presenti nel sistema informativo di anagrafe tributaria, il cittadino richiedente  la prestazione può in alternativa:
-presentare una nuova Dsu ISEE con attestazione ISEE priva di omissioni ovvero difformità  nel termine per la conclusione del procedimento
-presentare, idonea documentazione atta a dimostrare la completezza e veridicità dei dati indicati nella Dsu ISEE allo Sportello Informafamiglie(Piazza XXIV Maggio) o telefonando allo 0532-418104/05. Nel caso questa ulteriore documentazione non sia ritenuta sufficientemente esaustiva, per accedere al beneficio sarà necessario presentare comunque nuova attestazione ISEE (senza omissioni ovvero difformità), nel termine per la conclusione del procedimento.
-Solo in caso di imminente scadenza dei termini è possibile allegare la “ricevuta” di presentazione della D.S.U.(Dichiarazione Sostitutiva Unica).

IMPORTO DELL'ASSEGNO:
L'assegno  viene rivalutato annualmente con Decreto in base agli indici Istat; per l'anno 2016 ammonta ad € 1.694,45.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:
La  domanda va presentata ENTRO 6 MESI DALLA DATA DI NASCITA DEL FIGLIO O DALL’INGRESSO IN FAMIGLIA DEL BAMBINO ADOTTATO O IN AFFIDO PREADOTTIVO. Il termine per presentare o apportare eventuali  integrazioni (salvo nel caso di attesa di permesso di soggiorno valido ai fini dell'istruttoria della domanda stessa) non può superare i sei mesi dalla nascita del minore o dell'ingresso di questi per adozione o affidamento preadottivo, pena il rigetto della domanda.

La domanda per l’assegno si presenta con MODALITÀ ON LINE accedendo al sito “SOSI@HOME digitando l’indirizzo:
http://iscrizioni.is.fe.it/UserLogin/LoginUser.aspx  ed occorre : PER INFORMAZIONI RELATIVE ALLA COMPILAZIONE E ALL'ESITO DELLA DOMANDA RIVOLGERSI ALL’ UFFICIO POLITICHE FAMILIARI: 0532/418104 oppure 0532/418105
d.zabini@edu.comune.fe.it     r.passini@edu.comune.fe.it

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:
-Artt. 65 e 66 L. 448/1998 e s.m.i.
-D.lgs. 151/2001 art. 74 Testo unico sulla maternità e paternità
D.P.C.M. 452 del 21/12/2000
-Nuovo ISEE D.P.C.M. 159/2013
-Circolare ANCI 20/01/2015 in materia di accesso dei cittadini stranieri alle prestazioni sociali
-Gazzetta Ufficiale n° 35 del 12 febbraio 2016 per l’importo